Attacchi di panico


Gli attacchi di panico sono episodi acuti d’ansia, caratterizzati da tensione emotiva e terrore intollerabile che ostacola un’adeguata organizzazione del pensiero e dell’azione.

Gli attacchi sono rapidi e sconvolgenti, e la persona può provare terrore, palpitazioni, sudorazione, formicolii, vertigini, sensazione di soffocamento,respiro affannoso,  sensazione di stare per impazzire, di morte imminente e paura di perdere completamente il controllo.

Una crisi di panico può esprimere un’intensa reazione emotiva che si riferisce o a un pericolo reale o a tensioni interne avvertite come minacciose, ma di cui il soggetto non è consapevole.

Per chi ne soffre, gli attacchi di panico si presentano “come un fulmine a ciel sereno” che lascia dietro di sé stordimento e terrore che l’esperienza si possa ripetere, senza sapere quando e senza poterne riconoscere le cause.

Questo terrore per l’imprevedibilità dell’attacco di panico può anche portare alla “paura della paura”, ossia la paura relativa alla possibilità che possa verificarsi nuovamente un attacco di panico in situazioni in cui potrebbe essere difficile da gestire o da controllare.  Tale paura può portare la persona ad evitare le situazioni ritenute potenzialmente “a rischio”, limitando così la libertà o lo stile di vita personale. Per questo motivo, non è infrequente che un disturbo di attacchi di panico si associ ad una sindrome agorafobica (uno stato caratterizzato dall’intensa paura di rimanere soli o di trovarsi in luoghi dai quali, nel caso di un malore o di un attacco di panico, la fuga potrebbe ssere difficile o l’aiuto non disponibile).

Gli episodi di attacchi di panico sono ad oggi molto frequenti e la psicoterapia è lo strumento più efficace per combatterli, ricordando che:
essi rappresentano solo un sintomo visibile in superficie, che copre e nasconde  le vere cause non visibili alla logica della coscienza.

 

Per quanto riguarda la cura degli attacchi di panico, è fondamentale sottolineare come la psicoterapia sia di estrema importanza in questi casi.

Spesso, infatti, gli attacchi di panico vengono curati esclusivamente con i farmaci; questo, in realtà, equivale ad una non-cura che mette il sintomo “a tacere” solo per un breve periodo.

Grazie alla psicoterapia, invece, non solo il sintomo scompare, ma il paziente ha anche la possibilità di rielaborare i propri comportamenti ed i propri pensieri, attuando quindi un cambiamento che non riguarda semplicemente il sintomo, ma la propria personalità dal di dentro.